la natura - casacarmela
 

la natura

Il Leccio1.jpg
Ponza è in una posizione geografica davvero invidiabile.

Al centro del mediterraneo, di cui assomma profumi e colori.

Terra vulcanica, fertile. Terra di vino, di erbe aromatiche, di piante spontanee.

La macchia mediterranea è presente in tutte le sue varietà: dal leccio, la sua massima espressione possibile, che in alcuni casi, in particolare a Zannone, forma veri e propri boschi difficili da immaginare in uno spazio così ristretto, fino alle piante pioniere, come ginestra ed elicriso, passando attraverso fitti cespugli di mirto (con le cui bacche prepariamo un liquore profumatissimo), lentisco, coloratissime tonde formazioni di euforbia, lavanda, alberi di corbezzolo, tappeti di erica.
Il tutto si sviluppa sui vecchi terrazzamenti, in gran parte ormai abbandonati, che fino a qualche decennio fa garantivano la sussistenza a generazioni di contadini, e di cui restano la precisione e l'armonia stilistica dei muri a secco, le parracine.
Laddove la macchia cede il passo alla nuda roccia, sulle scogliere, assistiamo ad uno spettacolo unico: alternanze continue di forme, colori, minerali. Dal bianco del tufo (ceneri vulcaniche) al marrone scuro della trachite (lava) è tutto un susseguirsi di variazioni cromatiche, tra formazioni eruttive, e metamorfiche (e, nel caso di Zannone, anche sedimentarie).